SlotIta

Caesars Entertainment applicherà restrizioni di gioco

Caesars Entertainment applicherà restrizioni di gioco


Il colosso dei casinò con sede a Reno, Caesars Entertainment, ha annunciato le sue intenzioni di migliorare le sue politiche di gioco responsabile durante il Problem Gambling Awareness Month. L’operatore aumenterà il limite di età per Caesars Rewards e lancerà il suo programma di autoesclusione per promuovere pratiche di gioco responsabile ancora questo mese.

Limitazioni d’età:

L’operatore di alcune proprietà iconiche in Las Vegas Strip ha dichiarato la scorsa settimana che il suo programma di autoesclusione sarà implementato in tutte le operazioni di gioco entro la fine di marzo. Inoltre, la società limiterà l’accesso a Premi Caesar conti a clienti di età superiore a 21 anni. Seguirà inoltre la rispettiva legge per applicare le stesse restrizioni di età a tutte le funzionalità di gioco, pari mutuel, sport e iGaming nazionali.

Programmi di autoesclusione:

Secondo Keith Whyte, direttore esecutivo del Consiglio nazionale sul problema del gioco d’azzardo, i programmi di autoesclusione sono concepiti per aiutare a trattare le dipendenze dal gioco aumentando la consapevolezza dei giocatori al livello in cui possono riconoscere il problema e richiedere a un casinò di impedire loro di continuare a giocare. La barra può includere la loro rimozione da programmi fedeltà e simili per periodi generalmente compresi tra uno e cinque anni ma disponibili per trasformarsi in esclusioni a vita attraverso alcuni programmi.

Autoesclusione dal gioco d’azzardo è sponsorizzato dallo stato, e Cesari ha affermato che aggiungerà le rispettive persone al suo elenco universale per tutte le strutture e le piattaforme di gioco in cui opera il casinò e le escluderà dalle scommesse mobili e di persona. Gli individui possono anche richiedere la loro aggiunta all’elenco.

Argomenti cruciali:

“È qualcosa su cui lavoriamo da tempo e volevamo lanciare il nostro programma di autoesclusione universale non appena fosse pronto”, ha affermato La portavoce di Caesars, Kate Whiteley. “È un caso fortuito che si sia allineato con la fine del Problem Gambling Awareness Month, ma siamo lieti di avere l’opportunità di parlarne mentre l’industria si concentra sull’argomento cruciale del gioco responsabile”.

Il passo è accolto da Brett Abarbanel, direttore esecutivo dell’International Gaming Institute dell’UNLV. Ha detto: “Questo è qualcosa che i sostenitori del gioco d’azzardo responsabile e della salute pubblica suggeriscono da molto tempo, ed è un cambiamento incredibilmente utile allo strumento di autoesclusione, che spesso è anche una grande risorsa nelle impostazioni di trattamento del gioco d’azzardo problematico”.

Sfide del programma:

Tuttavia, il metodo comporta alcune sfide. Ad esempio, l’autoesclusione è volontaria e la persona da iscrivere può essere solo l’individuo soggetto e non una persona cara. Inoltre, la maggior parte dei casinò non ha un accesso controllato al piano di gioco che, secondo Whyte, potrebbe influire sull’applicazione. Ha anche detto che i giocatori esclusi vengono solitamente catturati dopo l’identificazione dopo le loro vincite al jackpot.

Aiutare ad affrontare il problema del gioco d’azzardo:

Sebbene il numero di persone che partecipano al programma negli Stati Uniti non sia noto, Whyte considera l’autoesclusione un passo importante nell’affrontare il problema del gioco d’azzardo. Egli ha detto: “Ma la lezione più importante è che l’autoesclusione è solo uno strumento per aiutare un
l’individuo affronta il suo problema con il gioco d’azzardo – in definitiva l’obiettivo è aiutarlo a ottenere aiuto per il suo problema con il gioco d’azzardo attraverso un terapista e/o un gruppo di auto-aiuto. L’autoesclusione è un mezzo a tal fine, non un sostituto dell’aiuto.

More Posts

Είναι το στοιχείο που σας παρέχει ασφάλεια και ζεστασιά. Link. Link.